5 Benefici per la salute sorprendenti di Monk Fruit

Quando il frutto del monaco è fresco, la pelle è verde. Una volta che il frutto è asciutto, tuttavia, la pelle diventa marrone. Con ciò si dice che il frutto del monaco abbia un sapore estremamente dolce.

La prova suggerisce che i monaci iniziarono ad usare la frutta durante il 13 ° secolo. Da allora, il frutto dei monaci fu ampiamente usato in termini medici.

A causa del suo contenuto a basso contenuto calorico, l'erba viene anche usata come alternativa allo zucchero nelle bevande. Durante il suo periodo di utilizzo, è stato riportato che i frutti di monaco hanno varie proprietà salutari.

Benefici per la salute di Monk Fruit

Inoltre, alcune proprietà sono supportate da ricerche. Qui ci sono numerosi benefici per la salute del frutto del monaco.

1. Safe for Diabetes Patients

In termini generali, il frutto del monaco è considerato sicuro per i pazienti diabetici. Nei pazienti diabetici, i livelli di glucosio nel sangue sono anormalmente alti. Poiché non è glicemico e contiene pochissime calorie, è improbabile che causi un picco di glucosio nel sangue.

Diversi studi suggeriscono che alcuni effetti di frutti di monaco sono dovuti a componenti attivi nel frutto chiamati mogrosidi. In uno studio del 2009, il solo mogroside V ha dimostrato di stimolare la secrezione di insulina dalle cellule beta pancreatiche.

Questi effetti sono anche mostrati in uno studio del 2008 con topi diabetici indotti da alloxan, che sono stati integrati con mogrosidi per quattro settimane.

I ricercatori hanno visto una riduzione dei livelli di colesterolo totale, malassiadeide epatica, trigliceridi e glucosio. Una recensione per l'International Journal of Food Sciences and Nutrition suggerisce che i mogrosidi possono agire come antiossidanti.

È stato rivelato che mogroside V, insieme a 11-oxo mogroside V, ha dimostrato effetti protettivi contro il danno ossidativo del DNA in uno studio. Secondo ulteriori ricerche, il danno ossidativo del DNA potrebbe avere un ruolo nel diabete.

2. Adatto per la dieta chetogenica

I frutti dei monaci sono anche adatti alla dieta chetogenica, che consente al corpo di passare alla chetosi. La dieta chetogenica è ricca di grassi e povera di carboidrati netti.

Il corpo utilizza normalmente carboidrati, che vengono convertiti in glucosio e quindi trasferiti nel sangue, per produrre energia. Il pancreas secerne l'insulina, che aiuta il glucosio nelle cellule a produrre energia.

Quando il consumo di carboidrati di una persona è basso, come quando seguono la dieta chetogenica il suo corpo inizierà a bruciare i grassi. Come risposta, vengono rilasciati corpi di chetoni.

Si dice che i frutti dei monaci contengano carboidrati netti zero. Pertanto, non contribuiranno alla produzione di alcun glucosio nel sangue.

Inoltre, il frutto del monaco può aiutare con voglie di zucchero. Non è raro che si verifichino voglie di zuccheri con la dieta chetogenica. Il frutto del Monaco stesso è molto dolce. Infatti, è ampiamente riportato che il frutto del monaco è 250 volte più dolce dello zucchero raffinato.

Tuttavia, il frutto dei monaci e il suo dolcificante sono in genere considerati appropriati come sostituto dello zucchero per gli individui nella dieta chetogenica. Il frutto del monaco può anche aiutare a ridurre l'affaticamento, un altro effetto collaterale della dieta chetogenica.

3. Migliora la funzionalità epatica

Uno studio del 2018 mostra che i mogrosidi del frutto del monaco hanno proprietà brucia-grassi nei casi di topi con malattia del fegato grasso non alcolico, l'insorgenza di grasso in eccesso nel fegato. Rispetto al gruppo di controllo, i topi trattati con LH avevano meno grasso nel fegato.

I mogrosidi hanno anche contribuito all'aumentata attivazione della protein chinasi attivata da AMP (AMPK). La ricerca suggerisce che questo meccanismo ha effetti soppressori sulla progressione della malattia del fegato grasso non alcolico .

Un ulteriore studio del 2017 rivela che mogroside IVE ha aiutato a migliorare la funzionalità epatica nei topi con fibrosi epatica, che si riferisce alla formazione continua di tessuti cicatrizzati nel fegato.

Nello studio, mogroside IVE ha ridotto i livelli di tetracloruro di carbonio e l'attività dell'enzima mieloperossidasi

I ricercatori hanno anche visto una riduzione del fattore-1 ipossia-inducibile e del fattore di crescita trasformante-β1, anch'esso pensato per contribuire allo sviluppo della fibrosi epatica.

4. Abbassa il colesterolo e i trigliceridi

Il frutto del Monaco abbassa anche il colesterolo e i trigliceridi. Il colesterolo alto e i trigliceridi possono aumentare il rischio di un individuo per condizioni mediche come malattie cardiache, sindrome metabolica e ictus.

È opinione diffusa che l'iperglicemia, iperglicemia, contribuisca a livelli elevati di colesterolo lipoproteine ​​a bassa densità e trigliceridi

.

In una recensione del 2007, è stato rivelato che un estratto di frutta ha ridotto i livelli di colesterolo totale e trigliceridi durante uno studio su conigli con diabete. Uno studio del 2016 ha rilevato che mogrol, un sottoprodotto di mogrosidi, ha aiutato a sopprimere l'accumulo di trigliceridi.

Questo effetto potrebbe essere dovuto all'attivazione della chinasi della proteina attivata da AMP. Si suggerisce che l'AMPK abbia effetti inibitori sull'enzima glicerolo-3-fosfato aciltransferasi, che svolge un ruolo nell'accumulo di trigliceridi.

L'AMPK è anche suggerito per ridurre i livelli di colesterolo bloccando l'attività dell'enzima 3-idrossi-3-metilglutaril-coenzima A (HMG-CoA) reduttasi.

5. Promuove una sana gestione del peso

Come molti altri alimenti a base vegetale, il frutto del monaco promuove una sana gestione del peso. Per quanto riguarda le proprietà anti-obesità del frutto, tuttavia, non sono ben comprese.

Potrebbe essere correlato agli effetti di attivazione del frutto sulla proteina chinasi attivata da AMP poiché si ritiene che l'enzima abbia un ruolo nel metabolismo.

Inoltre, AMPK potrebbe contribuire alla regolazione dell'appetito. Con questo, si dimostra che i mogrosidi del frutto del monaco inibiscono l'infiammazione, che è ampiamente correlata al aumento di peso.

Gli effetti di perdita di peso della frutta sono supportati da una revisione del 2012 per l'African Journal of Pharmacy and Pharmacology.

La recensione descrive uno studio su topi con una dieta ricca di grassi. È stato rivelato che la supplementazione di mogrosidi V e IV ha impedito un'ulteriore progressione dell'aumento di peso nei topi.

Via: AliveByNature | Dr.Jockers

Sourcesite-health.com

Tags: