5 Disturbi che traggono beneficio dal CBD

affetti da dolore Il CBD potrebbe essere la soluzione

Con più ricerche che mai prese per esaminare i benefici di CBD, ci sono vari disturbi del dolore che possono trarre beneficio dall'uso del CBD. Qui ci sono solo alcuni disturbi che potrebbero beneficiare del CBD.

Artrite

I pazienti che soffrono di artrite possono essere in grado di usare il CBD per ridurre il dolore. Il CBD è stato dimostrato come trattamento efficace per coloro che soffrono di osteoartrosi e reumatoide. Il modo in cui il CBD beneficia i pazienti è dovuto al modo in cui i recettori ECS rispondono agli stimoli, il che aiuta a ridurre qualsiasi infiammazione e dolore. Per ottenere i migliori risultati, è necessario applicare l'olio di CBD alle aree del dolore che contribuirà a ridurre qualsiasi gonfiore, dolore alle articolazioni o infiammazione legata all'artrite.

Sclerosi multipla

Un altro disturbo del dolore che CBD può essere utile per la sclerosi multipla (altrimenti noto come MS). La malattia autoimmune colpisce il cervello e i nervi che causa problemi multipli come gli spasmi muscolari. Quando gli spasmi sono più gravi, possono essere incredibilmente dolorosi. L'olio di CBD non solo aiuta a ridurre il dolore, ma può anche aiutare a mantenere gli spasmi muscolari sotto controllo. Il CBD può aiutare ad assistere una varietà di sintomi legati alla sclerosi multipla come dolore nervoso, insonnia, spasticità e spasmi muscolari.

Cancer Symptoms

Il CBD può anche aiutare a gestire e prevenire il cancro. Con uno dei sintomi più comuni del trattamento del cancro e del cancro in generale il dolore, il CBD è di grande aiuto in quanto è stato dimostrato che aiuta a gestire il dolore. Coloro che sono sottoposti a chemioterapia e radiazioni possono assumere l'olio di CBD per il dolore. Con questi trattamenti difficili da gestire sia mentalmente che fisicamente, l'olio di CBD può aiutare con sintomi multipli come debolezza, ansia e depressione.

Chronic Pain

Il CBD può anche essere un trattamento efficace per quelli chi soffre di dolore cronico. Ad esempio, se sei stato coinvolto in un incidente d'auto o stai vivendo un forte dolore dopo l'intervento chirurgico, puoi usare l'olio di CBD per ridurre il dolore. Spesso, il dolore cronico è il risultato del tuo cervello, quindi con questo in mente, l'olio di CBD si lega ai recettori cerebrali, il che altera il modo in cui il tuo cervello gestisce e percepisce il dolore. Il CBD si aggancia al recettore CB2 che è il principale recettore che controlla l'infiammazione e il dolore. Molti utilizzatori hanno notato risultati immediati nell'uso dell'olio di CBD.

Dolore neuropatico

Quando i nervi si danneggiano, il dolore neuropatico è un sintomo comune. La CBD non può solo trattare il dolore neuropatico, ma può anche migliorare la funzione dei tuoi nervi che contribuirà a prevenire la comparsa di neuropatia. Mentre il THC è destinato al dolore neuropatico, il CBD può essere utile per calmare i nervi. Il CBD si lega al recettore vanilloide che controlla la sensazione di dolore. Per ottenere i migliori risultati, è necessario ingerire oralmente l'olio di CBD quotidianamente. È anche possibile ingerire il liquido attraverso una penna per vapori CBD .

Anche se i risultati iniziali indicano che il CBD potrebbe essere utile per una varietà di disturbi del dolore, è necessario effettuare ulteriori ricerche per esaminare ulteriormente i vantaggi e gli svantaggi della CBD a lungo termine.

Sourcesite-health.com

Tags: