5 modi per prevenire e trattare l'avvelenamento da mercurio

L'avvelenamento da mercurio si verifica quando un individuo ingerisce un livello tossico di mercurio, un metallo presente in natura negli alimenti e nell'ambiente. L'avvelenamento da mercurio di solito si manifesta gradualmente nell'arco di settimane o mesi poiché un individuo accumula sempre più di questo metallo nel suo corpo.

Gli individui di qualsiasi età possono essere colpiti da avvelenamento da mercurio, ed è particolarmente pericoloso per donne incinte, anziani e bambini.

I sintomi di avvelenamento da mercurio appaiono generalmente lentamente e includono ansia, problemi di memoria, depressione, irritabilità, intorpidimento e tremori.

I sintomi possono anche includere cambiamenti visivi, difficoltà di coordinazione e difficoltà nell'udire e parlare negli adulti che hanno avuto un episodio acuto di avvelenamento da mercurio. L'avvelenamento da mercurio può essere diagnosticato con un esame clinico e esami del sangue o delle urine.

5 modi per prevenire e trattare l'avvelenamento da mercurio

I passi descritti di seguito sono utili nella prevenzione e nel trattamento dell'avvelenamento da mercurio.

1. Evitare il consumo di pesce con Mercurio

Il consumo di prodotti ittici contenenti mercurio è il metodo più comune di avvelenamento da mercurio, poiché tutti i frutti di mare contengono naturalmente almeno un po 'di mercurio. Squalo, pesce spada, re sgombro, tonno grosso e marlin hanno la più alta quantità di mercurio.

Altri tipi di pesce come acciughe, pesce gatto, tonno albacore, gamberi e salmone sono considerati sicuri da mangiare fino a due volte alla settimana. Tuttavia, mangiare questi e altri tipi di frutti di mare contribuisce all'accumulo di mercurio nel corpo e può rappresentare un rischio per la salute.

In particolare, i medici raccomandano alle donne incinte di evitare di consumare frutti di mare in tutte le fasi della gravidanza. Le donne dovrebbero anche evitare i frutti di mare mentre stanno allattando al seno, poiché il mercurio viene passato ai neonati attraverso il latte materno.

Gli individui dovrebbero monitorare il loro consumo di frutti di mare e considerare di ridurre la quantità che mangiano. Ci sono molte opzioni vegetariane e vegane che possono essere sostituite al posto dei frutti di mare.

2. Cambia l'ambiente di vita o di lavoro

Oltre al rischio di avvelenamento da mercurio da frutti di mare, l'ambiente rappresenta anche un rischio per questa condizione. Gli individui possono adottare misure per cambiare il loro ambiente di vita o di lavoro per ridurre al minimo questo rischio. In casa, è importante evitare l'uso di termometri a mercurio.

Questi possono essere riciclati in sicurezza in strutture dedicate e i termometri digitali sono sostituti sicuri. Alcune vernici e gioielli per la casa possono contenere mercurio, quindi i pazienti dovrebbero controllarlo prima di acquistare questi articoli.

I prodotti per la cura della pelle, in particolare le creme per alleggerire la pelle, possono contenere mercurio; i pazienti devono sempre leggere l'etichetta quando scelgono articoli per la cura della pelle. Le otturazioni dentali in argento e amalgama contengono mercurio e i pazienti che hanno questi potrebbero desiderare di parlare con il loro dentista di rimuoverli e sostituirli con un'alternativa più sicura.

I lavoratori che lavorano nelle miniere di carbone o d'oro hanno un rischio più elevato di avvelenamento da mercurio e dovrebbero assicurarsi di prendere le dovute precauzioni per ridurre al minimo l'esposizione.

L'aria attorno alle miniere e alle fabbriche in cui il mercurio viene rilasciato come sottoprodotto del processo di produzione è considerata altamente tossica.

Al momento dell'acquisto di una nuova casa, i potenziali acquirenti dovrebbero controllare la posizione di eventuali miniere o fabbriche vicino all'area e cercare di acquistare una casa il più lontano possibile da questi.

3. Terapia di chelazione

La chelazione è usata per trattare l'avvelenamento da mercurio, arsenico e piombo. Prima di sottoporsi a questo trattamento, i medici eseguiranno esami del sangue e delle urine per confermare che un paziente soffra di avvelenamento da metalli pesanti.

Il trattamento viene in genere somministrato per via endovenosa, sebbene sia disponibile anche in forma orale. I pazienti che ricevono la terapia di chelazione di solito assumono un farmaco chiamato acido etilendiamminotetracetico. A volte un farmaco noto come acido dimercaptosuccinico è usato per la chelazione orale.

Entrambi questi farmaci chelanti si legano con i metalli pesanti nel sangue e formano un composto che il corpo espelle attraverso l'urina. Il trattamento di chelazione può causare effetti collaterali come una sensazione di bruciore al sito endovenoso.

Alcuni pazienti possono anche avere febbre, mal di testa, vomito o nausea. In rari casi, i pazienti possono sviluppare effetti indesiderati potenzialmente gravi, tra cui bassi livelli di calcio nel sangue, danni ai reni, insufficienza cardiaca e improvvisi episodi di bassa pressione sanguigna.

I pazienti che hanno dubbi dovrebbero discuterne con il proprio medico prima di iniziare questa terapia e saranno monitorati durante il trattamento endovenoso per qualsiasi effetto indesiderato.

I pazienti in terapia di chelazione orale dovrebbero informare il proprio team medico di eventuali effetti collaterali o altri preoccupanti cambiamenti che si sviluppano con la loro salute.

4. Lavarsi le mani dopo l'esposizione

Il mercurio può essere assorbito attraverso la pelle e quando viene assorbito in questo modo, l'assorbimento di solito avviene lentamente e la quantità assorbita non è in genere sufficiente a essere dannosa.

Tuttavia, le persone che maneggiano termometri al mercurio o altri oggetti contenenti mercurio devono lavarsi le mani dopo l'esposizione per ridurre il rischio di assorbimento. L'uso di un disinfettante per le mani a base di alcol o di sapone è solitamente sufficiente.

Dopo aver posizionato il disinfettante per le mani o il sapone sulla pelle, le mani dovrebbero essere massaggiate accuratamente insieme per almeno venti secondi. Gli individui che si lavano le mani con il sapone dovranno sciacquarsi le mani con acqua tiepida.

Oltre al lavaggio delle mani dopo l'esposizione, le persone che trattano regolarmente articoli contenenti mercurio potrebbero voler indossare guanti protettivi e altri dispositivi di protezione per ridurre al minimo la loro esposizione a questa sostanza chimica pericolosa.

5. Evitare attività a rischio di esposizione

Gli individui dovrebbero evitare attività con rischio di esposizione per mantenere il rischio di avvelenamento da mercurio più basso possibile. Per esempio, le miniere e le fabbriche non dovrebbero essere visitate se possibile, e gli individui non dovrebbero rimuovere la vecchia vernice a meno che non sappiano che non contiene mercurio.

Prestare attenzione durante la manipolazione e la sostituzione delle lampadine più vecchie che possono contenere mercurio e le batterie devono essere smaltite correttamente per ridurre le perdite e la possibile contaminazione da mercurio.

Gli scienziati e gli altri esposti al mercurio dovrebbero prendere le dovute precauzioni. Il rischio di esposizione al mercurio può variare notevolmente in base a dove è la vita di una persona.

Gli individui con qualsiasi preoccupazione circa il potenziale di avvelenamento da mercurio possono chiedere al loro medico o al dipartimento sanitario locale delle precauzioni che dovrebbero prendere nella loro area.

Via: MedScape | HealthLine

Sourcesite-health.com

Tags: