Fungo della criniera del leone: benefici per la salute del cervello

 cos'è il fungo della criniera del leone "width =" 800 "height =" 531 "data-lazy- data-pigro - /></p><p> <noscript> <img class= come chaga e notato una differenza in energia e concentrazione, quindi volevo saperne di più su questo fungo superfood.

Benefici dei funghi della criniera del leone

Già nel 450 aC, il medico greco (e nonno della medicina moderna) Ippocrate funghi identificati come potenti agenti anti-infiammatori. Tutti questi anni più tardi, la conoscenza dei funghi medicinali è ancora nella sua infanzia (almeno in Occidente).

Alcuni ricercatori teorizzano che non abbiamo esplorato i funghi come medicina perché possono essere così pericolosamente confusi. Un fungo può essere buono per mangiare mentre quello accanto potrebbe ucciderci! Ha senso essere cauti con qualcosa che percepiamo come pericoloso e che non è ben compreso. (Detto questo, le culture orientali tradizionali sembrano averlo capito …)

In poche parole, la criniera del leone è nota per i suoi effetti sul sistema nervoso centrale. I praticanti di medicina cinese hanno usato la criniera del leone per secoli per:

  • fortificare la milza
  • nutrire l'intestino
  • come un farmaco antitumorale
  • promuove la digestione
  • aumenta il vigore e la forza
  • aiuta le ulcere e la gastrite cronica

Si pensa anche che sia d'aiuto con l'insonnia, la debolezza e bassa forza o energia … e la ricerca sta ancora scoprendo altri benefici

What Is Lion's Mane Mushroom?

La criniera del leone (Hericium erinaceus) è originaria del Nord America , Europa e Asia. Tuttavia, non è ampiamente coltivato al di fuori dell'Asia, dove ha una forte reputazione come un fungo medicinale salutare.

Una ragione per cui non hai visto la criniera di leone al supermercato è il suo aspetto piuttosto raccapricciante e arruffato . Assomiglia più a un pom pom pom che al tipico fungo commestibile. Grazie al suo aspetto ha una lunga lista di nomi creativi: ovino, fungo barbuto, barba da satiro, testa di scimmia, fungo pom-pom, fungo riccio barbuto e yamabushitake

Come il fungo della criniera del leone colpisce il cervello

La criniera del leone ha molti benefici per la salute ma è più studiata per come influisce sul cervello.

Migliora la memoria e l'attenzione

Si dice che la criniera del leone promuova anche concentrazione e concentrazione come memoria. Nella nostra società moderna in cui siamo sempre in multitaskingquesto è qualcosa su molte delle nostre menti (pun completamente inteso).

La ricerca mostra che la criniera del leone aiuta a migliorare la concentrazione stimolando il fattore di crescita nervoso (NGF). NGF è un neuropeptide che aiuta a regolare la crescita, il mantenimento, la proliferazione e la sopravvivenza dei neuroni o delle cellule nervose. Questi neuroni sono come messaggeri, che inviano e elaborano informazioni dal cervello al resto del corpo. Questa ricerca mostra anche che può aiutare a migliorare la memoria fotografica ea breve termine.

Uno studio del 2009 scoprì che la criniera di leone era efficace nel migliorare la cognizione in quelli con decadimento cognitivo lieve (se assunto per almeno 4 settimane). Lo studio ha anche scoperto che la criniera dei leoni funziona meglio se presa continuamente.

Riduce la depressione e l'ansia

L'ansia e la depressione sono due delle malattie mentali più comuni che colpiscono le persone oggi. La carenza di vitamina B12 ha dimostrato di essere un fattore importante nella depressione, ma quando ciò non è sufficiente, la criniera di leone può aiutare.

Questo fungo probabilmente ha un effetto sul sistema nervoso autonomo a causa della sua capacità di stimolare NGF. Questa è la parte del sistema nervoso che regola i processi automatici come la respirazione.

Una parte di questo sistema è il sistema nervoso simpatico che controlla le reazioni di combattimento o di volo. Nella depressione e nell'ansia, il sistema nervoso simpatico è in overdrive (mentre il sistema nervoso parasimpatico è abbassato). NGF può aiutare a migliorare l'equilibrio del sistema nervoso autonomo e ridurre la depressione e l'ansia

(Nota: questo è probabilmente solo uno dei motivi per cui aiuta lo stato mentale e sono necessarie ulteriori ricerche per scoprire perché funziona .)

Può arrestare o invertire la malattia neurodegenerativa

La capacità di stimolare NGF può avere effetti benefici su malattie neurodegenerative come malattia di Alzheimer, morbo di Parkinson e demenza. Negli studi, i polisaccaridi di questi funghi sono risultati essere neuroprotettivi. Inoltre, è migliorata anche la crescita dei neuriti (il processo con cui i neuroni imparano e crescono nel loro lavoro di messaggeri)

Mentre la neuroprotezione è importante, la rigenerazione è ancora migliore. Uno studio ha scoperto che i funghi di criniera del leone aiutano a rigenerare i neuroni dalle lesioni dei nervi periferici (ricollegando i legami tra il cervello e il midollo spinale). Per questo motivo la criniera del leone può anche proteggere contro la diffusione della malattia di Parkinson.

Abbassa l'infiammazione

Gli antiossidanti sono a senso unico per combattere lo stress ossidativo e l'infiammazione che causano la malattia . Uno studio dimostra che la criniera del leone ha la quarta più alta concentrazione di antiossidanti in qualsiasi fungo. Uno studio del 2015 ha confermato che la criniera del leone può ridurre l'infiammazione nei tessuti grassi

Altri usi della criniera del leone

La criniera del leone è ben nota come fungo che sostiene il cervello, ma ci sono altri benefici il fungo può fornire anche. Questi ulteriori benefici per la salute oltre al supporto della funzione cognitiva fanno sì che la criniera di leone sia un alimento straordinario e molte aziende sanitarie ora lo forniscono in forma di supplemento.

    Combatte il cancro – La criniera del leone è attivo contro alcune cellule tumorali e gli studi suggeriscono di farlo senza tossicità per il paziente. (In questo settore sono necessarie ulteriori ricerche.)
  • Supporta la salute del cuore – Il consumo di criniera di leone può anche migliorare il colesterolo buono o cattivo . Mostra anche che questo fungo può abbassare i trigliceridi nel sangue che possono ridurre il rischio di malattie cardiache
  • Migliorare i sintomi gastrici – I polisaccaridi nella criniera dei leoni possono essere utili nel trattamento di problemi gastrici.
  • Migliora il sistema immunitario – La criniera del leone ha promosso una risposta immunitaria antibatterica quando somministrata a topi infettati con salmonella. Questi topi hanno vissuto 3 volte di più dopo il trattamento con il fungo. Ciò potrebbe essere dovuto a un cambiamento benefico dei batteri intestinali che ha stimolato il sistema immunitario.

Rischi e precauzioni

La criniera del leone non ha effetti collaterali noti o tossicità accertata ed è generalmente considerata sicura . Tuttavia, non è raro che i funghi causino reazioni allergiche come eruzioni cutanee o difficoltà respiratorie. Consulta sempre il tuo medico prima di completare con la criniera di leone, soprattutto se hai qualche allergia ad altri funghi.

Come usarlo

Usa la criniera del leone come qualsiasi altro fungo. È un ottimo sostituto della carne grazie alla sua consistenza carnosa e si pensa che assuma il sapore di ciò che si cucina con esso. Ma giusto avvertimento: alcuni pensano che la criniera di un leone possa anche avere un sapore e una consistenza di granchio o aragosta. Questa è una grande cosa se ti piace il pesce (non è così bello se non lo fai!)

Mangiare la criniera di Leone

La criniera di leone è ancora relativamente nuova in Occidente quindi non è probabile che lo trovi nel tuo negozio di alimentari locale. Un mercato asiatico potrebbe averlo a disposizione localmente. Ci sono anche molti diversi tipi di kit per iniziare a coltivare i tuoi funghi!

Non ho ancora provato a preparare (o crescere) la criniera del leone. Questo tutorial su come cucinarlo afferma "i contrasti tra i capelli e la consistenza quasi gommosa dell'interno rende un'esperienza culinaria incredibile."

Uh … Prenderò la parola per ora … se ci provi, fammi sapere se hanno ragione! 🙂

Cosa faccio

Se non vuoi provare la criniera di un leone fresco, considera di usare il fungo essiccato in un té. In alternativa puoi provare una capsula, una tintura o un estratto di criniera di leone. Il mio modo preferito per ottenere la mia dose è usando elisir o caffè Four Sigmatic. Basta aggiungere l'acqua calda ai pacchetti monoposto in modo che siano perfetti per viaggiare, campeggiare o una tazza veloce a casa. (E prometto … non saprai nemmeno che ci sono funghi!)

Come sempre, integrare anche i migliori integratori superfood non risolverà una dieta povera, ma può essere un grande modo naturale per aumentare la produttività e concentrarsi … e chi non ne ha bisogno?

Hai provato la criniera del leone? Hai avvertito un miglioramento della salute del tuo cervello?

Fonti
  1. Stamets, P., & Zwickey, H. (2014, febbraio). Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4684114/
  2. attività neurologica della criniera del leone (Hericium erinaceus) – Medicina riparatoria. (2018, 27 giugno). Estratto da https://restorativemedicine.org/journal/neurological-activity-lions-mane-hericium-erinaceus/
  3. Brandalise, F., Cesaroni, V., Gregori, A., Repetti, M., Romano, C., Orrù, G.,. . . Rossi, P. (2017). Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5237458/
  4. Mori, K., Inatomi, S., Ouchi, K., Azumi, Y., & Tuchida , T. (2009, marzo). Miglioramento degli effetti del fungo Yamabushitake (Hericium erinaceus) sul deterioramento cognitivo lieve: uno studio clinico in doppio cieco controllato con placebo. Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18844328
  5. Nagano, M., Shimizu, K., Kondo, R., Hayashi, C., Sato, D., Kitagawa, K., & Ohnuki, K. (2010, agosto). Riduzione della depressione e dell'ansia dopo 4 settimane di assunzione di Hericium erinaceus. Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20834180
  6. McGeer, P. L., & McGeer, E. G. (2004, dicembre). Infiammazione e malattie degenerative dell'invecchiamento. Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/15681803
  7. Abdullah, N., Ismail, SM, Aminudin, N., Shuib, AS, & Lau, BF (nd) . Valutazione dei funghi medicinali-culinari selezionati per attività inibitorie antiossidanti e ACE. Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21716693/
  8. Li, G., Yu, K., Li, F., Xu, K., Li, J. , Lui è., . . . Tan, G. (2014, 28 aprile). Potenziale antitumorale degli estratti di Hericium erinaceus contro i tumori gastrointestinali umani. Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24631140
  9. Yang, B. K., Park, J. B., & Song, C. H. (2003, giugno). Effetto ipolipidemico di un Exo-biopolimero prodotto da una coltura micelio sommersa di Hericium erinaceus. Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12843656
  10. Wang, M., Gao, Y., Xu, D., & Gao, Q. (2015, novembre) . Un polisaccaride dal colelocolorato di Hericium erinaceus e la sua attività gastrite atrofica cronica. Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26314904
  11. Kim, S.P., Moon, E., Nam, S. H., & Friedman, M. (2012, 06 giugno). Gli estratti di Hericium erinaceus fungo proteggono i topi infetti contro il danno epatico da Salmonella Typhimurium e la mortalità mediante la stimolazione delle cellule immunitarie innate. Estratto da https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22624604

Sourcesite-health.com

Tags: