I tuoi occhi sono un indicatore della malattia di Parkinson, rivela studio

Il dirottamento del rivestimento delle cellule nervose nella parte posteriore dell'occhio-retina-ha un forte legame con La malattia di Parkinson, dice un nuovo studio che può aumentare le diagnosi per rilevare la malattia nelle sue fasi iniziali.

Secondo il nuovo studio, il diradamento della retina è legato alla perdita di cellule cerebrali che producono dopamina, una sostanza che aiuta a controllare il movimento. E il movimento è uno dei primi indicatori del morbo di Parkinson che altera le capacità meccaniche.

"Il nostro studio è il primo a mostrare un legame tra il diradamento della retina e un noto segno della progressione della malattia – la perdita di cellule cerebrali che producono dopamina", ha detto il Dr. Jee-Young Lee, dal Università Nazionale di Seoul in Corea del Sud, dove è stata svolta la ricerca.

"Abbiamo anche trovato che più sottile è la retina, maggiore è la gravità della malattia. Queste scoperte potrebbero significare che i neurologi potrebbero essere in grado di utilizzare una semplice scansione per gli occhi per rilevare il morbo di Parkinson nelle sue prime fasi, prima che inizino i problemi di movimento ", ha aggiunto il dott. Lee.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Neurologyha coinvolto 49 partecipanti che avevano un'età media di 69 anni e che erano stati diagnosticati con la malattia di Parkinson due anni prima, ma che non avevano ancora iniziato i farmaci. L'altro gruppo ha coinvolto 54 individui senza malattia appartenenti alla stessa fascia di età.

I ricercatori hanno studiato ciascun partecipante con una scansione completa dell'occhio ad alta risoluzione e con la scansione PET per scoprire che il diradamento della retina, soprattutto nei due strati interni dei cinque strati della retina, erano collegati alla malattia di Parkinson. I ricercatori hanno anche scoperto che il diradamento della retina corrispondeva alla perdita di cellule cerebrali che producono dopamina e alla gravità della malattia.

Fonte immagine: Shutterstock

    

Pubblicato: 19 agosto 2018 1:22 pm

        
            
        
        

Sourcesite-health.com

Tags: