La mancanza di folato potrebbe danneggiare il DNA

        

        

In un nuovo studio, i ricercatori dell'Università di Copenaghen hanno scoperto che la deficienza di folati può influenzare seriamente uno dei processi più importanti nel corpo, la divisione cellulare.

Crea più problemi in relazione alla replicazione del DNA di quanto non avessero finora supposto i ricercatori.

Una volta che una persona manca di folato, il danno causato da questo non può essere annullato.

 

 

I ricercatori incoraggiano quindi le persone ad essere più consapevoli del livello di folato nel sangue.

Il folato è un tipo di vitamina B che si trova, ad esempio, in broccoli, spinaci, piselli, funghi, molluschi e frutta come banane e melone.

L'autorità sanitaria danese raccomanda che le donne incinte e le donne che cercano di rimanere incinta prendano un supplemento giornaliero di acido folico.

Ma tutti, non solo le donne incinte e le future, dovrebbero concentrarsi su questa vitamina.

Nello studio, i ricercatori dimostrano che la deficienza di folati può causare problemi in relazione alla divisione cellulare e alla replicazione del DNA.

In realtà, crea anomalie cromosomiche molto più dannose di quelle precedentemente conosciute.

Il team suggerisce che il problema con la deficienza di folati è che influisce sul mantenimento del cromosoma e che una volta che una cellula ha perso un cromosoma o parte di essa, non può essere riparata.

Cioè, una volta che la divisione cellulare è andata male, non è possibile correggerla successivamente consumando molto acido folico. Una volta che il danno è stato fatto, è irreversibile.

Pertanto, le persone hanno bisogno di una guida che indichi quale dovrebbe essere il livello di folato nel sangue nella popolazione in generale.

Una volta che le persone hanno questa conoscenza, possono determinare se uno ha bisogno di integratori di acido folico per assicurarsi che il livello nel sangue sia abbastanza alto da permettere alle cellule di riprodurre il DNA con successo.

Un campione di sangue può determinare il livello di folato nel sangue. I ricercatori sanno da anni che la deficienza di folati è associata a malattie mentali, demenza senile e deformazione del cervello e del midollo spinale dei feti, noti anche come difetti del tubo neurale.

Ma non sono stati in grado di stabilire la causalità, cioè se la deficienza di folati causa direttamente i disturbi o se i disturbi sono causati dall'effetto secondario della carenza di folati.

Per rispondere a questa domanda, nello studio, i ricercatori hanno studiato i linfociti, che sono un tipo di globuli bianchi, dagli uomini. Tuttavia, i risultati si applicherebbero anche alle donne, sostiene Ying Liu.

I ricercatori hanno analizzato l'area del genoma chiamata FRAXA, che contiene un'estesa sequenza CGG di codice genetico.

Videro che la deficienza di folati causava anormalità in connessione con la mitosi della divisione cellulare, specialmente nelle cellule con una sequenza CGG anormalmente lunga.

Tra le altre cose, causava una difettosa segregazione dei cromosomi. I ricercatori hanno anche visto come l'intero cromosoma X diventasse instabile nei casi di lunga esposizione alla carenza di folati.

Lo studio ha dimostrato che la deficienza di folati porta a livelli più elevati di anomalie cromosomiche più dannose di quanto si pensasse in precedenza.

Ciò fa sì che le cellule figlie ereditino la quantità errata di DNA in seguito alla divisione cellulare o, in alcuni casi, addirittura a perdere un intero cromosoma.

Questo potrebbe spiegare perché il deficit di folati è associato a malattie come infertilità, disturbi della salute mentale e cancro.

Altre parti del genoma contengono anche ampie sequenze CGG. I ricercatori presumono che queste regioni saranno anche colpite da carenza di folati.

Come passo successivo, desiderano mappare tutte le aree del genoma umano che possono essere influenzate dalla mancanza di folati.

Il nuovo studio è pubblicato sulla rivista scientifica PNAS.

Copyright © 2018 Knowridge Science Report . Tutti i diritti riservati.

Fonte:. PNAS

 

 

        

Sourcesite-health.com

Tags: