Le nuove linee guida sul colesterolo: cosa devi sapere – Blog Harvard Health

Le nuove linee guida per il colesterolo dall'American College of Cardiology e American Heart Association sono fuori! Queste linee guida – aggiornate nel 2013 – sono state molto attese dalla cardiologia e dalla più ampia comunità medica. Sono stati approvati da una serie di società professionali aggiuntive, tra cui l'American Diabetes Association. Pertanto, è molto probabile che la maggior parte dei medici li segua. Quindi, che cosa è esattamente nuovo e che cosa è necessario sapere?

Inizia con uno stile di vita sano, con statine per chi ne ha bisogno

Una dieta sana e un'attività fisica regolare sono raccomandate per tutte le fasce di età come base per prevenire le malattie cardiovascolari (CVD) e fattori di rischio CVD come il colesterolo alto.

Tuttavia, una volta che vi è una malattia cardiovascolare aterosclerotica (placca nelle arterie), le nuove linee guida raccomandano che la terapia con statine ad alta intensità o terapia con statine massimamente tollerata debba essere utilizzata, oltre alla modificazione dello stile di vita, per ridurre il colesterolo lipoproteico a bassa densità (LDL-C). Ad esempio, questa raccomandazione si applica ai pazienti con anamnesi di precedenti eventi cardiovascolari come attacchi cardiaci o di procedure come stenting. L'obiettivo è abbassare i livelli di LDL-C del 50% o più.

Gli obiettivi per il colesterolo sono tornati!

Con grande gioia dei medici, obiettivi concreti di LDL-C sono stati reintrodotti in questa versione delle linee guida. Per le persone con malattia cardiovascolare aterosclerotica che sono ad alto rischio di complicanze cardiache, si raccomanda di somministrare una terapia al di là delle statine per ottenere un LDL-C target di 70 mg / dl.

La prima aggiunta oltre le statine ad alta intensità sarebbe l'ezetimibe generico, un farmaco per abbassare il colesterolo che agisce impedendo l'assorbimento del colesterolo nell'intestino. Se ciò non avviene, gli inibitori PCSK9 iniettabili sono considerati un passo successivo ragionevole, con l'avvertenza che i farmaci sono costosi e la loro sicurezza a lungo termine oltre i tre anni non è ben stabilita. Tuttavia, dal momento che le linee guida sono state finalizzate, una delle due società che produce inibitori PCSK9 ha abbassato il prezzo di listino. Questo alla fine può aiutare a rendere questi potenti farmaci per la riduzione del colesterolo più convenienti.

Lo stesso algoritmo di cui sopra è raccomandato per le persone altrimenti sane il cui LDL-C è maggiore o uguale a 190 mg / dL. In questo caso, tuttavia, l'obiettivo è 100 mg / dL invece di 70 mg / dL, presumibilmente perché non ci sono prove (ancora) di aterosclerosi effettiva.

Nelle persone di età compresa tra 40 e 75 anni con diabete che hanno un LDL-C maggiore o uguale a 70 mg / dL, si raccomanda una statina di intensità moderata. Se ci sono ulteriori fattori di rischio o la persona ha 50 anni o più, allora una statina ad alta intensità è considerata ragionevole.

Le raccomandazioni di cui sopra non sono controversi tra i medici esperti nel campo. In effetti, alcuni potrebbero dire che queste linee guida non sono abbastanza aggressive in termini di volere obiettivi di colesterolo più bassi in pazienti ad alto rischio. Ma nessuno che capisca i dati sarebbe in disaccordo con le linee guida di cui sopra come punti di partenza generali. Se hai una malattia cardiovascolare aterosclerotica, un livello di colesterolo molto alto, o il diabete, poi, oltre a uno stile di vita sano, dovresti essere in una statina, supponendo che tu possa tollerarlo, e forse altri farmaci, a seconda del tuo livello di colesterolo .

Che dire delle persone sane con livelli di colesterolo moderatamente elevati?

Che dire delle persone sane che non rientrano nelle categorie sopra elencate? Le linee guida forniscono una guida chiara, ma le cose diventano un po 'più sfumate. Qui, c'è davvero bisogno di una discussione tra il paziente e il suo medico.

Se iniziare una statina o meno dipende dal fatto che ci siano altri fattori di rischio cardiovascolare, come il fumo, l'ipertensione o il diabete, e il livello effettivo di LDL-C. Una storia familiare di malattia cardiovascolare aterosclerotica prematura sarebbe un altro fattore da considerare, così come l'etnia sud-asiatica o la menopausa precoce (prima dei 40 anni). Altre anomalie del test del sangue, come i trigliceridi elevati o livelli elevati di proteina C reattiva ad alta sensibilità (un marker di infiammazione), potrebbero anche spingere verso l'inizio di qualcuno su una statina. Un'altra raccomandazione nelle nuove linee guida riguarda l'uso potenziale delle scansioni di calcio dell'arteria coronaria (CAC) per decidere se iniziare o meno la terapia con statine in determinati casi in cui la decisione basata su fattori di rischio clinici non è chiara. Le preferenze e il costo del paziente (sebbene la maggior parte delle statine siano ora generiche) sono altri potenziali problemi da valutare. I calcolatori di rischio online possono aiutare.

Conclusione: se il numero di persone che rientrano in questa categoria è elevato, chiedi al medico se è necessario assumere farmaci per abbassare il colesterolo o se i cambiamenti dello stile di vita sono sufficienti.

Seguimi su Twitter @DLBHATTMD

Sourcesite-health.com

Tags: