Managing Meds, Life and Suicide: Claire Tomalin – Overcome Addiction

 http://mediad.publicbroadcasting.net/p/krcb/files/styles/x_large/public/201809/claire_tomalin.png

Un geniale editorialista e biografo, il cui montaggio e scrittura penetra profondamente nei suoi soggetti, ha problemi fatali nella sua stessa vita.

Claire Tomalin è un editorialista inglese (Sunday Times) e biografo pluripremiato (di Mary Wollstonecraft, Samuel Pepys, Charles Dickens), che all'età di 85 anni ha scritto un libro di memorie. Mentre nota su uno dei suoi soggetti, Samuel Pepys, non fu mai colpevole nei suoi diari di "fingere di sentirsi come doveva". Ma il suo memoriale, intitolato A Life of My Ownnon fa Ho questa qualità. Come recensore del New York Times, Dwight Garner dice

A Life of My Own ha una qualità formale. Occasionalmente c'è l'infelice sensazione che Tomalin stia vedendo la propria vita da una distanza troppo grande, come se fosse una biografa che lavora attraverso la vita di un estraneo dalle schede.

Il diario di Tomalin presenta lunghi elenchi di persone che ama: amici, vicini di casa, familiari, commercianti e fornitori di servizi, colleghi e capi, anche quelli che la molestano, la assumono dopo aver valutato le sue gambe e le hanno sottovalutate perché non era sufficientemente ubbidiente. Infatti, l'unica persona che critica costantemente è suo marito e il padre dei suoi quattro figli, con i quali è rimasta fino alla morte.

Tomalin affrontò notevoli difficoltà nella sua vita, alcune delle quali la colpirono (un figlio morì subito dopo la nascita, un figlio nacque con la spina bifida), alcune delle quali iniziò. In quest'ultima categoria, sposò un uomo che periodicamente abbandonò lei e suo figlio e tre figlie, la ingannò incessantemente, eppure quando ebbe una relazione la assalì (e non solo allora). Ciononostante, ha mantenuto questo uomo al centro della sua casa e della sua famiglia, dal momento in cui l'ha sposato quando aveva 21 anni fino all'età di 40 anni. Solo dopo la sua morte ha avuto quasi tutti i suoi grandi successi.

Tomalin non analizza mai perché era incline ad agire in questo modo. E la sua pazienza, a volte, le serve bene ed è ammirevole.

Ma non sempre. Alcuni anni dopo la morte del marito per una guerra in Israele, la brillante figlia di Tomalin tornò da Oxford depressa e alla fine si uccise. Tomalin è in lutto e pieno di sensi di colpa. Ecco come descrive ciò che lei e la professione medico-psichiatrica possono aver fatto male: "Avremmo dovuto proteggerla ferocemente, e se avessimo ricevuto un consiglio migliore (da chi, meglio di chi?), Avremmo potuto salvarla .”

Ma queste raccomandazioni post hoc per prevenire il suicidio non hanno senso in questo caso. Tomalin ha fatto tutto il possibile per dare il benvenuto alla figlia abbandonata nella sua casa e nella sua vita, pur continuando a lavorare e prendersi cura del suo bambino disabile. Come ogni persona istruita e moderna ha cercato la migliore cura psichiatrica per sua figlia.

Ma lei, nessuna persona, potrebbe essere presente in ogni momento della vita di un bambino adulto. E sua figlia si uccise usando il formulario di medicine psichiatriche che le era stato prescritto. Sarebbe stato un bene per Tomalin sapere quali medicine stava prendendo sua figlia e il loro programma di somministrazione, oltre ai loro limiti e inconvenienti.

Ma la considerevole umanità e intelletto di Tomalin non si estende in quella direzione. Proprio come lei apparentemente non chiedeva la sua relazione distruttiva con il marito, era incapace di penetrare i sentimenti e la vita di sua figlia. È impossibile conoscere la fonte della sofferenza e dell'autodistruzione di sua figlia da questo libro; Tomalin non ha mai nemmeno indovinato.

La trasformazione in lei era incomprensibile. Avevo pensato a lei come al mio bambino invulnerabile. Quanto errato ero stato.

Tomalin non sapeva quali medicine prendesse sua figlia oi loro pericoli: "Supponevo che lei avesse risparmiato le sue pillole che le erano state prescritte per la depressione e le aveva prese tutte. Come potrebbe essere stato preso un tale rischio (quale rischio?) E perché non mi ero assicurato che lei prendesse le sue pillole? "Ha supposto che avrebbe dovuto lasciare queste cose ai professionisti medici consultati, una decisione che ora rifiuta. Ma la sua unica conclusione apparente è che avrebbe dovuto trovare medici migliori.

Se sei in una posizione in cui devi fare affidamento rigorosamente sulla supervisione medica e sulle medicine per affrontare una dipendenza o una malattia mentale, sarai sempre in arretrato, proprio come Tomalin, che non aveva altre idee oltre a seguire un consiglio medico per rispondere alla situazione di sua figlia, lo era. (Tomalin dà credito a un terapista non medico che ha consultato per aiutarla a superare la crisi provocata dalla morte della figlia.)

Non c'è cosa giusta che i medici possano garantire in questi casi. Mentre il messaggio ampiamente diffuso dopo i suicidi di Kate Spade e Anthony Bourdain era che le persone dovessero immediatamente cercare assistenza psichiatrica quando erano depressi, lo avevano fatto entrambi, e Spade era stato sottoposto a trattamento per anni e stava prendendo medicine per ansia e depressione quando si uccise. Come ha sottolineato Benedict Carey sul Times: "Il tasso di suicidio negli Stati Uniti è aumentato del 25% dal 1999 al 2016.. . [at the same time] anche le percentuali di diagnosi e trattamento psichiatrico aumentarono notevolmente. "

Ethan Nadelmann (fondatore ed ex direttore di The Drug Policy Alliance) ha generosamente notato in una citazione di pubblicazione preliminare sul mio libro con Zach Rhoads, Outgrowing Addiction: With Common Sense Invece di "Disease" Therapy, "Outgrowing Addiction è un libro di speranza, e della liberazione che attende coloro che desiderano abbandonare ideologie potenti ma in bancarotta a favore della ragione, della scienza e dell'auto-riflessione con gli occhi chiari. "

Nel bene e nel male, non c'è modo di aggirare tale riflessione su se stessi nella gestione della propria vita e delle crisi della vita. E Tomalin, uno stimato intellettuale la cui vita è stata segnata da un matrimonio distruttivo e dal suicidio di un amato figlio, è incapace di applicare la sua mente al tema di se stessa e della sua famiglia, come dimostra nel suo libro di memorie.

 Stanton Peele

Dr. Stanton Peelericonosciuto come uno dei maggiori esperti mondiali di dipendenza da The Fixha sviluppato il Life Process Program dopo decenni di ricerca, scrittura e trattamento per e per le persone con dipendenze. Dr. Peele è l'autore di 14 libri. Il suo lavoro è stato pubblicato su importanti riviste specializzate e pubblicazioni popolari in tutto il mondo.

Sourcesite-health.com

Tags: