Sonno frammentato e corto legato a arterie strette e indurite

        

 Frammentato e breve sonno collegato a arterie strette e indurite "title =" Frammentato e breve sonno collegato a arterie strette e indurite "/></div><p>        </p><p>Dormire meno di sei ore o svegliarsi più volte nella notte è legato ad un alto rischio di aterosclerosi asintomatica, che indurisce in silenzio e restringe le arterie, secondo un nuovo studio.</p><p>I risultati sono presentati oggi all'ESC Congress 2018.</p><p>Il dott. Fernando Dominguez, autore dello studio, del Centro nazionale spagnolo per la ricerca cardiovascolare (CNIC) a Madrid, ha dichiarato:</p><p> </p><p> </p><p>"Le cattive abitudini del sonno sono molto comuni nelle società occidentali e studi precedenti hanno suggerito che sia il sonno breve che quello a lungo sono associati ad un aumentato rischio di malattie cardiovascolari.</p><p>Tuttavia, vi è una mancanza di ampi studi che hanno misurato oggettivamente sia il sonno che l'aterosclerosi subclinica. "</p><p>Lo studio PESA ha arruolato 3.974 adulti di mezza età in buona salute che indossavano un monitor dell'attività della cintura per sette giorni per registrare la qualità e la quantità del sonno.</p><p>Erano divisi in cinque gruppi in base alla proporzione del sonno frammentato, e quattro gruppi che indicavano le ore medie dormivano una notte:</p><p>meno di sei (molto breve), da sei a sette (breve), da sette a otto (il riferimento) e più di otto (lungo). L'arteriosclerosi è stata valutata nelle arterie delle gambe e del collo usando l'ecografia tridimensionale.</p><div style=

L'età media dei partecipanti era di 46 anni e il 63% erano uomini.

Dopo essersi adeguato ai fattori di rischio cardiovascolare convenzionali e ai potenziali fattori di confusione, il gruppo ha trovato che le traverse molto corte avevano arterie molto più indurite rispetto a quelle che avevano dalle sette alle otto ore.

Quelli nel quintile più alto di sonno frammentato avevano più probabilità di avere più sezioni di arterie con il problema dell'arteria rispetto a quelle del quintile più basso.

Il Dr Dominguez ha detto: "Le persone che avevano un sonno breve o interrotto avevano anche una maggiore probabilità di avere la sindrome metabolica, che si riferisce alla combinazione di diabete, pressione alta e obesità, e descrive uno stile di vita malsano."

Ha concluso: "Il mancato sonno e l'irrequietezza durante la notte dovrebbero essere considerati fattori di rischio per il blocco o il restringimento delle arterie.

Sono necessari studi per scoprire se dormire bene e abbastanza a lungo può impedire o invertire questo effetto sulle arterie.

Nel frattempo, sembra ragionevole prendere provvedimenti per ottenere una buona notte di sonno – come avere uno stile di vita fisicamente attivo ed evitare caffè e cibi grassi prima di andare a letto. "

Fonte: European Society of Cardiology.

 

 

        

Sourcesite-health.com

Tags: