Usi e pericoli di Henbane

 Usi e pericoli di Henbane "width =" 450 "height =" 579 "/></a></p><p>Una delle cose più affascinanti della natura è la sua capacità di guarire e danneggiare allo stesso tempo. Un certo numero di piante ed erbe trovate in natura possono essere sia utili che mortali allo stesso tempo. Henbane è una di queste piante che è stata usata e abusata per secoli</p><h2>Cos'è Henbane?</h2><p> <strong>Il giusquiano noto scientificamente come Hyoscyamus niger, è una pianta con una lunga storia di utilizzo nonostante i suoi pericoli.</strong> Henbane, che appartiene alla famiglia delle Solanacee, è originario dell'Europa e l'Asia ora cresce in gran parte dell'emisfero settentrionale, tra cui l'Africa e il Nord America.</p><p> <strong>Si sa che l'alanamo provoca una serie di gravi effetti collaterali dalla tachicardia alla mania e alle allucinazioni, ma nonostante questi pericoli è ancora usato per determinate condizioni mediche. (1)</strong></p><p>Il giusquiano è principalmente usato per lenire gli spasmi nel tratto digestivo mentre può anche avere un effetto calmante sulla mente e sul corpo. A volte è anche applicato localmente per aiutare a sbarazzarsi di tessuto cicatriziale. <strong>Funziona perché contiene sostanze chimiche, come scopolamina e iosciamina, che possono aiutare a rilassare i muscoli che rivestono il tratto digestivo.</strong></p><p><strong>Esistono poche prove riguardo ai benefici medicinali del giusquiamo, ma una grande quantità di dati riguardanti i suoi effetti collaterali e pericoli.</strong> Conosciuto anche con vari altri nomi comuni come la belladonna fetida e la solanca puzzolente, il giusquiamo ha una storia lunga e molto interessante. Se vuoi saperne di più su questa affascinante pianta, continua a leggere.</p><h2>Storia di Henbane</h2><p>Il nome comune della pianta "henbane" risale al XIII secolo. Mentre le origini del nome non sono chiare, si ritiene che la "gallina" nella parola si riferisca alla morte piuttosto che all'uccello. L'altra parte del suo nome potrebbe provenire dalla parola "bhelena" che significa "pianta pazza".</p><p>Storicamente, il giusquiamo è stato combinato con varie altre piante velenose tra cui la belladonna e la mandragora. <strong>Combinato con queste piante è stato usato per le sue proprietà anestetiche ma anche per produrre "miscele magiche" con effetti psicoattivi. Queste miscele erano note per provocare allucinazioni e anche la sensazione di volare.</strong></p><p>Secondo i documenti storici, il giusquiamo fu usato per la prima volta in Asia e nell'Europa continentale prima di diffondersi nelle isole britanniche risalenti al Medioevo. <strong>L'uso della pianta nell'antica Grecia fu registrato da Plinio che si riferiva al giusquiamo come "della natura del vino e quindi offensivo alla comprensione".</strong> Secondo i testi antichi, era usato dai greci come analgesico e sedativo.</p><div style=

LEGGI 6 Benefici delle erbe a radice rossa promettenti

In Europa, il giusquiamo era usato come uno degli ingredienti principali per aromatizzare la birra. Diverse città tedesche, tra cui Pilsen, hanno preso il nome dal nome tedesco per la pianta – Bilsenkraut '. il giusquiamo fu usato come ingrediente principale nelle birre tedesche fino a quando nuove leggi nel 16 ° secolo lo videro completamente sostituito dal luppolo.

Anche il giusquiano è stato usato per scopi più sinistri. Il dott. Crippen notoriamente usò la pianta per avvelenare la moglie prima di fuggire in Canada con la sua amante. (2)

Possibili usi medicinali di Henbane

Storicamente, il giusquiamo è stato usato per curare l'insonnia, il dolore, il mal di denti, l'epilessia, le convulsioni e il mal di stomaco. Oggi, tuttavia, il giusquiano viene usato raramente a scopo terapeutico e il rischio di effetti collaterali è molto maggiore dei potenziali benefici della pianta.

Tuttavia, secondo gli studi, il giusquiamo contiene determinati composti con proprietà terapeutiche. La ricerca ha scoperto che henbane contiene 34 diversi alcaloidi tra cui Atropine, tropane, Hyoscyamin e Hyoscine.

Questi composti conferiscono a henbane una varietà di proprietà medicinali tra cui gli effetti antispasmodici, analgesici ed espettoranti.

Il giusquiano è a volte usato per le seguenti condizioni, tuttavia mancano prove sulla sua efficacia:

  • per artrite e reumatismi
  • per mal di denti
  • per mal di stomaco
  • per gli spasmi allo stomaco
  • per asma
  • per la tosse
  • per disturbi del sistema nervoso
  • per uccidere il dolore
  • come sedativo

Un olio fatto con giusquiamo viene talvolta applicato localmente per la terapia di massaggio.

Sfortunatamente, non ci sono studi per confermare l'efficacia di giusquiamo per nessuna delle condizioni menzionate sopra. Nella maggior parte dei paesi, i prodotti giusquiamo possono essere acquistati solo da farmacie e con una prescrizione.

A causa delle preoccupazioni sulla tossicità del giusquiamo e dei molti noti effetti collaterali, il rischio di usare l'erba è probabilmente maggiore dei potenziali benefici.

Effetti collaterali e precauzioni

Secondo WebMD, henbane potrebbe essere sicuro per la maggior parte delle persone se viene preso per via orale solo per un breve periodo. È anche importante che il henbane venga usato solo sotto la supervisione del proprio medico o operatore sanitario.

Gli effetti collaterali noti di henbane possono essere estremamente gravi. Includono quanto segue:

  • Frequenza cardiaca elevata
  • Secchezza delle fauci
  • surriscaldamento e sudorazione profusa
  • costipazione
  • Sonnolenza
  • Inquietudine
  • Disturbi visivi
  • Le allucinazioni
  • Episodi deliranti e maniacali
  • Morte

[194590010]

LEGGI 7 Comprovati benefici di Artiglio del diavolo

Henbane può avere alcuni benefici per la salute ma non ci sono studi scientifici per confermare la sua efficacia. Il giusquiano è tossico per l'uomo e alcuni degli effetti collaterali sono molto gravi. La tossicità della pianta e il rischio di effetti collaterali gravi superano qualsiasi potenziale beneficio.

(1) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4224707/
(2) https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/17526134

Source -- site-health.com

Tags: